fbpx
12/09/2022

Un sogno necessario

Un sogno necessario - Andrea Dorno Un sogno necessario - Andrea Dorno

A marzo un lutto terribile ha sconvolto la nostra comunità politica, lo sport popolare, la famiglia e gli amici di Andrea Dorno. Ma oltre allo sconforto abbiamo provato a mettere in circolo le immense energie che aveva Andrea. Due eventi, a agosto a Avetrana e a settembre a Roma, lo ricordano, con basket, concerti, dialoghi. Per continuare a sognare e a costruire mondi. 

Un sogno necessario. 

di Mattia Tombolini (fonte Dinamopress)

La sera del 22 marzo del 2022 a Roma la terra trema, il vento diventa freddo, il silenzio cala su tutta la città.

Quello che accade da questo momento in poi avviene su un piano della realtà diverso da quello che attraversiamo normalmente.

Quotidianamente ognuno vive il suo piano della realtà, si sveglia e porta avanti una giornata dove probabilmente, per qualche motivo e per un tempo determinato, incontrerà il piano della realtà di qualcun altro.

Da quella sera invece, per qualche settimana, succede che centinaia di persone abbandonano il mondo individuale in cui sono risucchiate e si trovano tutte, veramente, a vivere la stessa realtà.

Cominciano a non comprendere più cosa sia vero e cosa no, i più materialisti vacillano, ai più sicuri cedono le gambe, ai più cazzoni scompare il sorriso e anche solo l’idea che un tempo si sia potuto ridere.

Quello che ho visto e vissuto, quello che abbiamo vissuto collettivamente (per una volta per davvero) sotto casa di Andrea Dorno da quel giorno alle settimane successive è stato qualcosa che ha scosso la realtà nostra e di tutte le persone che ci hanno incontrato.

Vivono in me sensazioni contrastanti in un modo che prima di questo evento non avevo mai conosciuto. L’idea che tristezza e gioia possano coesistere nello stesso identico momento, lo scoramento e l’orgoglio, la rabbia e la desolazione, insomma che tutte queste cose potessero vivere dentro di me contemporaneamente è qualcosa di nuovo, qualcosa di cui ancora mi devo fare un’idea e che mi destabilizza contemporaneamente.

Da quella sera è iniziato un rito collettivo incredibile, mai visto.

Qualcosa che però va raccontato e tenuto vivo.

Le persone hanno sentito il bisogno di stare insieme, di condividere questo dolore lancinante che ha lasciato cicatrici sui cuori di una comunità vastissima.

Da quella sera la rete di persone che probabilmente esisteva solo nella testa di Andrea e che solo lui poteva tenere insieme, si è palesata e si è vista essere qualcosa di enorme.

Proprio sta notte ti ho sognato Andrè e mi dicevi che ti faceva male la schiena e io ti rispondevo, “sì, sticazzi della schiena piuttosto come hai fatto ad andartene dormendo?” e tu mi hai risposto con un sorrisone dei tuoi. Mi piacerebbe parlare con te in prima persona come se tu potessi veramente leggere questo testo e dirti: non puoi capire che abbiamo fatto per te!

Sono stati giorni tragici e incredibili, in parte mi ricordavano i giorni di occupazione quando tutti fanno qualcosa 24 ore su 24, chi fa striscioni, chi fa scritte, chi piange, chi si abbraccia, chi organizza e chi fa cose e avanti così per giorni fino al funerale in cui abbiamo riempito San Lorenzo e il campetto con centinaia e centinaia di persone. Fumogeni, cori, bandiere, bambini e bambine, fricchettoni, skin head, commercianti, festaioli, cestisti, de tutto e de più, c’era anche qualche politichetto di quelli a cui avresti voluto sputare in faccia, spaesato come un pesce fuor d’acqua.

Una cosa incredibile, un rito collettivo mai visto, laico, finito a Communia per ore a parlare di te e a non lasciarti andare, poi la festa liberatoria.

Erano due anni che non ballavo e mi sono ritrovato a farlo al funerale tuo, intorno a un banano con le scarpe zuppe di birra caduta a terra e poi la sera tutti in pullman per Avetrana (la città natale di Andrea) e altri due giorni di cori e pianti.

Io non credo che questa roba sia scontata e non credo che passi così.

Sono eventi che accadono ogni mille anni, lo dico cercando di essere il più lucido possibile.

Ma perché?

Cerchiamo di mettere da parte l’enorme amore che proviamo per te, cerchiamo di mettere da parte tutto quello che sei per tutti noi. Cosa si è visto in quei giorni?

Si è mostrata al mondo l’opzione che forse solo te avevi così chiara in testa, una comunità reale tenuta insieme non da legami di sangue, non da questioni economiche o costrizioni, ma da un sogno.

E questo sogno non è solo “lo sport popolare”, perché sarebbe scemo e riduttivo.

Probabilmente è un sogno di un mondo diverso e possibile (che detta così può sembrare la cosa più retorica che c’è).

Mi sono reso conto negli ultimi tempi di come sia scomparsa proprio l’idea di “indipendenza”, come opzione possibile o praticabile.

Prendiamo il campo della musica ad esempio, l’idea che possa esistere un mondo al di fuori o addirittura alternativo a quello “ufficiale” a quello delle canzonette di merda in radio o dello starsystem o che si possa comunicare senza fare decine di storie su istagram al giorno dove si elencano i cazzi propri (e dove fondamentalmente si grida IO IO IO in continuazione). Ovviamente questo è solo un banale esempio superficiale ma mi pare che il modello individualista e del “salvarsi da soli” sia quello che sta vincendo a tutti i livelli.

Di fronte a questo l’Atletico San Lorenzo sta dando un messaggio inverso e contrario, sta dicendo che non ci si salva mai da soli e che può esistere un modello indipendente dalle logiche del profitto (quindi al capitalismo) ma anche sostenibile, sia economicamente che eticamente.

Qualsiasi cosa vogliamo costruire per il futuro deve avere queste tre grandi E, deve essere:

Ecologicamente sostenibile, Eticamente sostenibile, Economicamente sostenibile.

Laddove è mancata anche una sola di queste E abbiamo visto fallire i progetti e creare modelli non riproducibili. Di questo parlavamo spesso con Andrea e oggi capisco perché questa sua continua voglia di cercare di essere un “uomo-rete” che collegava e teneva insieme cose apparentemente così inconciliabili. Di come aveva preso con entusiasmo la nascita di Momo e di quanto l’avesse profondamente capita, prova per me di una sensibilità e di un'intelligenza rara che sapeva commuovermi e farmi incazzare.

L’Atletico San Lorenzo sta dando questo messaggio, con continuità e passione ha creato un modello sostenibile e tutte le persone che vi partecipano sanno di non occuparsi solo di sport popolare ma si occupano di “tutto”.

Fuori da questo però esiste anche chi fa un lavoro diverso e cerca di tenere insieme i pezzetti, cercando veramente di valorizzare le differenze e non creare ogni giorno un muro in più.

Realtà concrete e reali sembrano non esistere al netto della comunicazione di cui sopra, che mette al centro sempre il singolo, che ci parla di una politica senza nessuna delle tre “E”, che ci fa sentire sempre più schiacciati e soli.

Per tutto questo la narrazione di questi sogni è diventata oggi più urgente e necessaria che mai.

Questa è l’urgenza, quella di capire quali sono le cose necessarie veramente e quali no, di seppellire i modelli che hanno perso una volta per tutte, tirarne fuori quanto di buono abbiamo appreso e lasciarceli alle spalle e non farci schiacciare di fronte alla scelta del voto come se tutto ciò non contasse veramente nulla. Di ragionare e lavorare per creare modelli indipendenti e radicali, che vanno alla radice delle questioni, tentare di rappresentare un’alternativa non solo possibile ma anche credibile a cui affidarsi. Di fronte alla “crisi della militanza” possiamo dire di aver individuato la risposta a questa crisi, che tiene insieme il fatto che siamo precari e precarie con il piano individuale, quello lavorativo, quello comunitario e quello della sostenibilità anche della militanza stessa.

Tra le tante energie che si sono messe in moto dal 22 marzo in poi ci sono i ragazzi e le ragazze di Avetrana, che come avrebbe voluto Andrea si stanno spingendo oltre la memoria e si stanno autorganizzando per costruire qualcosa, per rilanciare, a partire dai due giorni di eventi che c'è stato il 20 e 21 agosto nel VADO E DORNO SUMMER FESTIVAL.

Il 15, 16 e 17 settembre a Scalo San Lorenzo ci sarà una festa per il compleanno di Andrea Dorno, un momento che vuole sì essere di ricordo e di festa ma anche estremamente politico, che forse può farci ritrovare e prendere coscienza del fatto che possiamo e dobbiamo pretendere di contare. Che tutti gli altri (a partire dalla istituzioni di turno), a San Lorenzo e non solo, devono fare i conti anche con noi.

Con Andrea nel cuore, ovunque tu sarai.

Carrello

 x 

Carrello vuoto
  • 17424994 614699675385625 2516320820501981695 n
  • 17457258 614699668718959 9036445346946415408 n
  • 17457524 614532975402295 6948891255067586249 n
  • 17457648 615393841982875 238226590306698396 n
  • 17457766 615103952011864 8380636059725205800 n
  • 17457809 615393748649551 3004693791247494920 n
  • 17458066 614533175402275 89982499647863281 n
  • 17458133 614533118735614 5303122369157954590 n
  • 17522618 615103875345205 1969360731457252968 n
  • 17523305 614532988735627 1711038551489544935 n
  • 17553634 615431425312450 9013564991993897845 n
  • 17554006 614535418735384 6690932391036556824 n
  • 17554278 614533042068955 1580523364033747137 n
  • 17554308 615602725295320 4132519597154543302 n
  • 17554418 615103838678542 3549462256124570280 n
  • 17554541 614728712049388 6592649797170859024 n
  • 17554590 615103955345197 7532834580078063704 n
  • 17626509 614533085402284 2082893014594067774 n
  • 17629596 616379091884350 617849694629740251 n
  • 17629804 615104028678523 4509626299217101551 n
  • 17629993 614535402068719 4717470823838117763 n
  • 17862392 622238054631787 4295087826977913713 n
  • 17883715 622237924631800 324805209580034176 n
  • 17883936 622989211223338 948094392897520344 n

Associazione Sportiva Dilettantistica Atletico San Lorenzo
Codice fiscale: 97762340582 - Codice Registro Coni: 232830 - 215015
Cookie Policy - Privacy PolicyServizi Web Marketing